top of page
Search
  • Writer's pictureA Brunette in Finland

Hyvää Runebergin päivää! (myohässä)

Hello guys,

hyvää Runebergin paivää! On the 5th of February here in Finland we celebrate the Runeberg's day and we eat the Runebergintorttu. Mmmm are you a bit lost? You don't really know who I'm referring to? Then it's never too late to learn new things so continue reading!

Have you ever seen these kind of pastries?





Well these are the Runebergintorttus flavored with almonds, arrack or rum and weighing about 100 grams. It usually has raspberry jam encircled by a ring of icing on top.

The pastries are named after the Finnish poet Johan Ludvig Runeberg, you are all wondering why, uh? According to the legend one day the poet was craving for sweets and he asked his wife Fredrika to give him something good to eat. Unfortunately Fredrika didn't have anything ready to give him, so she decided to get creative and make pastries with the ingredients she had by following a recipe by Lars Henrik Astenius, a pastor from Porvoo.

According to this legend, the poet regularly enjoyed the torte with punsch for breakfast.

Some years later Fredrik Ekberg, the famous baker from Helsinki who grew up in Porvoo, started selling these pastries in his confectionery named after the poet's name.

The Runebergintorttu is a pastry, that comes exclusively from Finland and is generally sold in stores from the beginning of January til the 5th of February, Runeberg's birthday.



And now who wants to know more about Runeberg? Well, in case here's his story:


Johan Ludvig Runeberg was born into a Swedish-speaking family in Pietarsaari on February 5, 1804. Runeberg's parents were sea captain Lorens Ulrik Runeberg and Anna Maria Malm. He first went to school in Pietarsaari and then at the age of 8, he was sent to live with his uncle and attend school in Oulu. After his uncle died, he went to school in Vaasa for other three years. In 1822 Runeberg enrolled as student at the University of Turku, where he studied Latin and Greek. In order to finance his studies he worked as a home teacher in Saarijärvi and Ruovesi. At the same time, he got acquainted with the inland nature and Finland's folk life. He earned a Master of Philosophy during 1827. After the Turku fire, Runeberg moved to Helsinki, where he worked as a researcher and gave lectures at the University of Helsinki. Then he served also as a tutor/docent at the Imperial Alexander University and teacher at the Swedish-language Helsingfors Lyceum (1831–1836).

In 1830, Runeberg published his first collection of poems in Swedish, "Dikter" ("Poems"). A year later Runeberg married his second cousin Fredrika Tengström, who was also a writer. They had eight children, seven sons and one daughter. While living in Helsinki, Runeberg edited the newspaper "Helsingfors Morgonblad" ("Helsingin Aamulehti"). He also wrote prestigious book reviews. Moreover Runeberg took an active part in the activities of the Lauantaiseura (Saturday Society), where university students discussed e.g. politics, art, and philosophy. Other members include Elias Lönnrot and J. V. Snellman. The Saturday Society usually met at Runeberg's home. In 1837 Runeberg moved to Porvoo. There he worked as a high school language teacher and later as principal. He served as professor of Latin literature at the Borgå gymnasium. Runeberg was the tutor of Carl Henrik Alopaeus, who would later become the bishop of Porvoo and an educator of the deaf. Runeberg also supported Carl Oscar Malm's school for the deaf in Porvoo (which Alopaeus taught at) as well as serving on its school board. The emperor awarded him a lifetime annual pension in 1839 and in the same year he received the Grand Gold Medal of the Swedish Academy. He was also awarded the Nordic and Russian knights badges. Runeberg Day was celebrated for the first time on February 5, in 1854 in Pietarsaari, when Runeberg turned 50. It also became a tradition for the teenagers in Porvoo to go and sing under Runeberg's window every year on February 5th. In 1863 Runeberg remained paralyzed during a hunting trip and lived that way for more than thirteen years. His Fredrika read to him aloud for many hours a day. She also placed a mirror in his room that allowed him look out onto the street. Johan Ludvig Runeberg died on May 6, 1877.


Runeberg is considered as the national poet of Finland. The Tales of Ensign Stål (Swedish original title: Fänrik Ståls sägner, Finnish: Vänrikki Stoolin tarinat is his most important work. It was an epic poem written in Swedish. The poem describes the events of the Finnish War (1808–1809) in which Sweden lost its eastern territories; these would become incorporated into the Russian Empire as the Grand Duchy of Finland. The prologue of this epic poem is Vårt land (Our Land, Maamme in Finnish) that became lyrics to the Finnish national anthem. The music was composed by the German Fredrik Pacius, who became a naturalized Finnish citizen, while the current Finnish language text is usually attributed to the 1889 translation of Ensign Stål by Paavo Cajander, but in fact originates from the 1867 translation by Julius Krohn.


Before I leave I also wanted to recommend you to visit the Runeberg's house, which is located in the old town of Porvoo. Unfortunately I still haven't had the chance to visit it, but I hope to go back there as soon as possible!


Hejdå!





Hyvää Runebergin päivää! (myöhässä)


Ciao ragazzi,

hyvää Runebergin paivää! Il 5 febbraio qui in Finlandia si festeggia Runeberg e si mangia il Runebergintorttu. Mmmm vi sentite un po' persi? Non sapete a chi mi riferisco? Allora non è mai troppo tardi per imparare cose nuove, quindi continuate a leggere!

Avete mai visto questo tipo di pasticcini?





Ebbene questi sono i Runebergintorttu aromatizzati con mandorle, arrack o rum e dal peso di circa 100 grammi, decorati con marmellata di lamponi circondata da un anello di glassa.

I pasticcini prendono il nome dal poeta finlandese Johan Ludvig Runeberg, vi state tutti chiedendo il perché, eh? Ve lo racconterò io.

Secondo la leggenda un giorno il poeta aveva voglia di dolci e chiese alla moglie Fredrika di dargli qualcosa di buono da mangiare. Purtroppo Fredrika non aveva nulla di pronto da dargli, così decise di dare sfogo alla sua creatività e di fare dei pasticcini con gli ingredienti che aveva in cucina, seguendo una ricetta di Lars Henrik Astenius, un pastore di Porvoo.

Sempre secondo questa leggenda, il poeta gustava regolarmente questo pasticcino a colazione con del punsch.

Alcuni anni dopo Fredrik Ekberg, il famoso pasticcere di Helsinki cresciuto a Porvoo, iniziò a vendere questi dolci nella sua pasticceria con il nome del poeta.

Il Runebergintorttu è un dolce che potete trovare esclusivamente in Finlandia e viene generalmente venduto nei negozi dall'inizio di gennaio fino al 5 febbraio, giorno del compleanno di Runeberg.




E ora chi vuole saperne di più su Runeberg? Bene, ecco la sua storia:


Johan Ludvig Runeberg nacque in una famiglia di lingua svedese a Pietarsaari il 5 febbraio 1804. I genitori di Runeberg erano il capitano Lorens Ulrik Runeberg e Anna Maria Malm.

Dapprima Runeberg andò a scuola a Pietarsaari, successivamente, all'età di 8 anni, fu mandato a vivere con suo zio e a frequentare la scuola a Oulu. Dopo la morte di suo zio, frequentò la scuola a Vaasa per altri tre anni.

Nel 1822 Runeberg si iscrisse all'Università di Turku dove studiò latino e greco. Per finanziare i suoi studi lavorò come insegnante privato a Saarijärvi e Ruovesi. Nel 1827 conseguì un Master in Filosofia.

Dopo l'incendio di Turku, Runeberg si trasferì a Helsinki, dove lavorò come ricercatore e tenne lezioni presso l'Università di Helsinki. Prese servizio anche come docente/tutor presso l'Università Imperiale Alexander e fu anche insegnante presso l'Helsingfors Lyceum di lingua svedese (1831–1836).


Nel 1830 Runeberg pubblicò la sua prima raccolta di poesie in svedese, "Dikter" ("Poesie").



Un anno dopo Runeberg sposò sua cugina Fredrika Tengström, con cui ebbe otto figli: sette maschi e una femmina.

Durante i suoi anni a Helsinki, Runeberg curò il quotidiano "Helsingfors Morgonblad" ("Helsingin Aamulehti"). Scrisse anche prestigiose recensioni di libri.


Inoltre Runeberg prese parte attiva alle attività della Lauantaiseura (società del sabato), in cui gli studenti universitari discutevano di politica, arte e filosofia. Altri membri includono Elias Lönnrot e JV Snellman. La Società del Sabato era solita incontrarsi a casa di Runeberg.


Nel 1837 Runeberg si trasferì a Porvoo. Lì lavorò come insegnante di lingue al liceo e poi come preside. Insegnò anche letteratura latina nel Borgå Gymnasyum. Runeberg fu il tutore di Carl Henrik Alopaeus, che sarebbe poi diventato vescovo di Porvoo ed educatore dei sordi. Runeberg ha anche sostenuto la scuola per non udenti di Carl Oscar Malm a Porvoo (in cui insegnava Alopaeus) e ha prestato servizio nel suo consiglio scolastico. L'imperatore gli conferì una pensione annuale a vita nel 1839 e nello stesso anno ricevette la Gran Medaglia d'Oro dell'Accademia Svedese e venne anche premiato con dei distintivi dei cavalieri nordici e russi.


Il Runeberginpäivä venne celebrato per la prima volta il 5 febbraio 1854 a Pietarsaari, quando Runeberg compì 50 anni. Divenne anche tradizione per gli adolescenti di Porvoo andare a cantare sotto la finestra di Runeberg ogni anno il 5 febbraio.


Nel 1863 Runeberg rimase paralizzato durante una battuta di caccia e visse così per più di tredici anni. La sua amata Fredrika gli leggeva ad alta voce per molte ore al giorno, mise anche uno specchio nella sua stanza che gli permetteva di guardare la strada attraverso la finestra.


Johan Ludvig Runeberg morì il 6 maggio 1877.


Runeberg è considerato il poeta nazionale della Finlandia. Le avventure dell'alfiere Stål (titolo originale svedese: Fänrik Ståls sägner, finlandese: Vänrikki Stoolin tarinat ) è la sua opera più importante. Esso è un poema epico scritto in svedese che narra gli eventi della guerra di Finlandia (1808–1809) in cui La Svezia perse i suoi territori orientali, che sarebbero stati incorporati nell'impero russo come Granducato di Finlandia.

Il prologo di questo poema epico è Vårt land (Our Land, Maamme in finlandese) che divenne il testo dell'inno nazionale finlandese. Venne successivamente musicato dal compositore tedesco naturalizzato finlandese Pacius e tradotto in finlandese. L'attuale testo in lingua finlandese è solitamente attribuito alla traduzione del 1889 di Ensign Stål di Paavo Cajander, ma in realtà ha origine dalla traduzione del 1867 di Julius Krohn.


Prima di lasciarvi, volevo anche consigliarvi di visitare la casa di Runeberg, che si trova nel centro storico di Porvoo. Purtroppo non ho ancora avuto modo di visitarla, ma spero di farlo il prima possibile!


Hejdå!







https://en.wikipedia.org/wiki/Maamme



Recent Posts

See All
bottom of page