top of page
Search
  • Writer's pictureA Brunette in Finland

A coffee at Villa Elfvik

Moikka kaikille!

Recently I finally visited a place where I've always wanted to go: its name is Villa Elfvik. Villa Elfvik is a rare example of jugend-style with British country house influences.



Nowadays this villa is an environmental education centre in Espoo, located in the Laajalahti bay, between the two commercial centers Tapiola and Leppävaara. The nature house offers information about nature and the environment in all forms and the entrance is free of charge. Villa Elfvik hosts the exhibition "Long live Espoo", which portrays the most valuable characteristics of nature in Espoo - herb-rich forests, the archipelago, birds, etc. The Laajalahti nature reserve is one of the best in southern Finland, also famous on a global scale. Here you can traverse a 700-metre-long nature trail, wheelchair and pram friendly, which starts from Villa Elfvik. On the way you will also find a bird-watching tower.


I was never too lucky with this place, since I tried to go there twice but in vain... it was closed both of the times. One time I remember that when I went there it was on the day of my birthday. I so wanted to visit this villa because from the pictures it looked so sophisticated and elegant, just like the cafeterias where I usually go. Before opening the door I was feeling shivers in my backbones, because I just couldn't wait to see this place live. Once inside I really loved every single detail about the place: the entrance, the small green living room at its right with a fireplace and a lovely colorful art nouveau window, the wooden staircase and last but not least, the main room where we had coffee and a slice of cake. That was for sure my favorite spot of the house. My favorite detail was the white and gold wallpaper, the chandelier and the three portraits in the middle of the main wall, which show the baroness Elvira and her two daughters Lise and Thelma.




And now are you ready to hear the real story behind this charming villa?


The land was previously owned by the Bredvik tax-paying farm. Subsequently Baron Emil Standertskjöld purchased the farm in 1896 and made it as its family summer residence. Emil married Elvira Hallgren, the daughter of a Swedish merchant, and he named the villa after his wife. After the purchase, the family ordered plans for a summer house from architect Waldemar Aspelin. But unfortunately Emil died suddenly in 1900 before Aspelin's plans for the villa were realised.


After the death of her husband, Elvira commissioned new plans for a slightly more modest villa from a different architect, Mauritz Gripenberg. The resulting villa was built in an Art Nouveau style with British country house influences, very rare architectural example in Finland. Elfvik's main building was completed in 1904, and three years later Elvira and her daughters, Lise and Thelma, decided to make it as their permanent home. A sauna, carriage house and woodshed, boathouse, stable and servicemen's hut, all from the previous farm-period, were kept in use by the new owners.



At the start of the century, Elvira was undoubtedly quite wealthy, in fact during that period, the family used to have an overseer, two male servants, three maids, a lady's companion, a chauffeur and a gardener at their service. But unfortunately the future of this villa and the Standertskjölds didn't look so bright... After the Baron Emil died, the family finances worsened. Even though Elvira and her daughters were highly educated (Elvira was an opera singer, Lise an art teacher and a painter, Thelma a sculptor), they never worked for a living, they just enjoyed life at Elfvik, dedicating it to art, amateur theatre, music and their active social life.

Very soon the three ladies had to lay off all the staff members and sell parts of their land, that when Lise died only 30 hectares remained of the 183 that her father had originally bought. With less and less staff, younger sister Thelma had to take on the work previously done by the servants.


Moreover the Standertskjölds seemed to care little about the critical decline evident in their surroundings, and by the 1950s the villa's roof was in such disrepair that the family was practically living under the stars. A friend of the family once put together an estimate of how much fixing the roof would cost, but the sisters considered the sum too high and simply continued to use buckets to collect incoming rainwater and to live in different parts of the house during different periods of the year. Unbelievable, right?

Lise and Thelma never got married and jointly bequeathed the Villa Elfvik to The Swedish Literature Society of Finland (Svenska Litteratursällskapet i Finland).

Their joint will specifically states that the main Elfvik building should host a retirement home for Swedish-speaking actors or actresses and artists. The will was executed after Lise passed away in 1974. However, by this time, due to errors made during its construction and serious water damage, the Elfvik main building had fallen into such disrepair that local authorities could not permit it to host a rest or retirement home.

The Finnish State purchased Villa Elfvik in the summer of 1981. Some argued that it should be torn down, but luckily it wasn't since in 1985 the City of Espoo purchased the villa and its surrounding 2,500 m² land area. After the purchase, the villa was repaired and renovated in a style which respected its original design. Once the work had been completed, the villa began to house the City of Espoo's environmental education centre.



And now do you want to hear some curious facts about Elvira and her two daughters?



The Baroness Elvira was once known as the brightest star of Helsinki's Swedish-speaking high society. She had studied to sing opera in Stockholm, Helsinki and Vienna. In addition, she had acted at the Svenska Teatern and elsewhere. She always dressed to impress and spent a lot of time picking dresses that best suited her theatrical taste.

Elvira had also a dark side tho... Everyone remembers Elvira as a very strict woman. She paid special attention to what her daughters and the workers in her house were wearing. The servants for example had to wear the type of clothing that servants used to wear at a 19th century manor house. Instead the two daughters had to wear long skirts and large hats and every time they had to go the nearby-town, they would have travelled in an old horse-drawn carriage until the 1950s. Quite outrageous, isn't it?


As I mentioned before both Thelma and Lise never got married, and do you know what's the reason behind it? Their mom Elvira of course. In fact Elvira would never allow male suitors to visit the house, even once they reached adulthood. According to one story, once Thelma dared to brought a suitor to the house, but Elvira threw him out straight away. Ouch, what a temper!


If this article aroused your curiosity, you should definitely go and check the Villa Elfvik out. It's worth a visit for sure and the apple cake was particularly yum. Here's the webpage of Villa Elfvik's cafeteria, which in September it's open both Saturday and Sunday from 10am-4pm and then from October just on Sunday. Instead the nature house will be open every day from 9am-3pm, except for Saturday.


Let me know if you happen to go there.


Heippa!


Un caffè a Villa Elfvik


Moikka kaikille!

Di recente ho finalmente visto un luogo in cui ho sempre desiderato andare: il suo nome è Villa Elfvik. Villa Elfvik è un raro esempio di stile jugend con influenze di case di campagna britanniche.



Oggi questa villa è un centro di educazione ambientale situato a Espoo sulla baia di Laajalahti, tra le due zone commerciali di Tapiola e Leppävaara. La villa offre informazioni sulla natura e l'ambiente e l'ingresso è gratuito. Essa ospita la mostra "Long live Espoo" (Lunga vita a Espoo), che ritrae le caratteristiche più preziose della natura della città: foreste ricche di vegetazione, l'arcipelago, gli uccelli, ecc. La riserva naturale di Laajalahti è una delle migliori della Finlandia meridionale, conosciuta anche su scala internazionale. Qui potrete attraversare un sentiero naturale lungo 700 metri, percorribile anche con sedie a rotelle e carrozzine, che parte da Villa Elfvik. Lungo la via troverete anche una torre per l'osservazione degli uccelli.


Non sono mai stata troppo fortunata con questo posto, poiché ho provato ad andarci due volte ma invano... infatti entrambe le volte l'ho trovato chiuso. Una volta ricordo che quando ho provato ad andarci era il giorno del mio compleanno. Volevo tanto visitare questa villa perché dalle foto sembrava così sofisticata ed elegante, proprio come le caffetterie in cui sono solita andare. Prima di aprire la porta mi sentivo parecchio emozionata, perché non vedevo l'ora di vedere questo posto dal vivo. Della villa mi è piaciuto ogni suo singolo dettaglio: l'ingresso, il salottino verde con camino e la bella finestra colorata in stile liberty, la scala in legno e ovviamente la stanza principale dove abbiamo gustato un caffè e una fetta di torta. Quella era sicuramente la mia parte preferita della casa. I dettagli che mi hanno colpito di più sono stati: la carta da parati bianca e oro, il lampadario e i tre ritratti al centro della parete principale che raffigurano la baronessa Elvira e le sue due figlie Lise e Thelma.



E ora siete pronti a leggere la vera storia di questa affascinante villa?


Il terreno era precedentemente di proprietà della fattoria Bredvik. Successivamente il barone Emil Standertskjöld acquistò la fattoria nel 1896 e ne fece la residenza estiva della famiglia. Emil sposò Elvira Hallgren, figlia di un mercante svedese, ecco perché chiamò la villa Elfvik, proprio in onore di sua moglie. Dopo l'acquisto, la famiglia ordinò all'architetto Waldemar Aspelin i progetti per una casa estiva, ma sfortunatamente Emil morì all'improvviso nel 1900 prima che i progetti di Aspelin iniziassero.

Dopo la morte del marito, Elvira commissionò nuovi progetti per una villa leggermente più modesta a un altro architetto, Mauritz Gripenberg. Il risultato fu una villa costruita in stile Art Nouveau con influenze di case di campagna britanniche, esempio architettonico molto raro in Finlandia.

L'edificio principale di Elfvik fu completato nel 1904 e tre anni dopo Elvira e le sue figlie, Lise e Thelma, decisero di farne la loro residenza permanente. I posti già esistenti come la sauna, la rimessa per le carrozze e una legnaia, la rimessa per barche, la stalla e la capanna dei militari vennero mantenuti in uso dai nuovi proprietari.



All'inizio del secolo Elvira era indubbiamente ricca, infatti in quel periodo la famiglia aveva al proprio servizio un sorvegliante, due servi, tre cameriere, una dama di compagnia, un autista e un giardiniere. Ma sfortunatamente il futuro della villa e degli Standertskjöld non fu così roseo... Dopo la morte del barone Emil, le finanze della famiglia iniziarono a scarseggiare. Anche se Elvira e le sue figlie erano altamente istruite (Elvira era una cantante d'opera, Lise un'insegnante d'arte e pittrice, Thelma una scultrice), non si sono mai guadagnate da vivere, si sono semplicemente godute la vita a villa Elfvik dedicandola all'arte, al teatro amatoriale, alla musica e alla loro attiva vita sociale.

Ben presto le tre donne dovettero licenziare tutto il personale e vendere parte del loro terreno, tanto che alla morte di Lise rimasero solo 30 ettari dei 183 che suo padre aveva originariamente acquistato. Con sempre meno personale, la sorella minore Thelma dovette farsi carico del lavoro precedentemente svolto da tutta la servitù.


Inoltre, gli Standertskjöld non sembravano preoccuparsi tanto del declino critico ed evidente dell'abitazione, e negli anni '50 il tetto della villa era così in rovina che la famiglia viveva praticamente sotto le stelle. Un amico di famiglia una volta fece una stima di quanto sarebbe costato riparare il tetto, ma le sorelle considerarono la somma troppo alta e continuarono semplicemente a usare i secchi per raccogliere l'acqua piovana e a vivere in diverse parti della casa durante i diversi periodi dell'anno. Incredibile, vero?

Lise e Thelma non si sono mai sposate e hanno lasciato in eredità la Villa Elfvik alla Società di letteratura svedese in Finlandia (Svenska Litteratursällskapet i Finland).

Il loro testamento congiunto afferma specificamente che l'edificio principale di Elfvik doveva ospitare una casa di riposo per attori, attrici e artisti di lingua svedese. Il testamento fu eseguito dopo la morte di Lise nel 1974. L'edificio principale di Elfvik era caduto in tale stato di abbandono che le autorità locali non potevano permettere di destinarla come residenza per gli artisti.

Lo stato finlandese acquistò Villa Elfvik nell'estate del 1981. Alcuni volevano che la villa venisse demolita, ma fortunatamente ciò non accadde, perché nel 1985 la villa e la superficie circostante di 2.500 ettari venne acquistata dalla città di Espoo. Dopo l'acquisto, la villa venne ristrutturata, rispettando il suo design originario. Terminati i lavori, la villa diventò il Centro di educazione ambientale del Comune di Espoo.


E ora volete sentire qualche curiosità sul conto di Elvira e le sue due figlie?



La baronessa Elvira era una volta conosciuta come la stella più brillante dell'alta società di lingua svedese di Helsinki. Studiò canto lirico a Stoccolma, Helsinki e Vienna. Inoltre, recitò allo Svenska Teatern e in altri teatri. Si vestiva sempre per stupire e passava molto tempo a scegliere gli abiti che meglio si adattavano al suo gusto teatrale.

Elvira aveva anche un lato oscuro però... Tutti la ricordano come una donna molto severa. Prestava particolare attenzione sia a ciò che indossavano le sue figlie che i suoi domestici. Questi ultimi, ad esempio, dovevano indossare il tipo di abbigliamento che i domestici erano soliti indossare in una casa patronale del XIX secolo. Le due figlie invece erano costrette a indossare gonne lunghe e grandi cappelli e ogni volta che dovevano recarsi in qualche città vicina avrebbero viaggiato in una vecchia carrozza trainata da cavalli fino agli anni '50. Cosa alquanto bizzarra, vero?


Come ho detto prima, sia Thelma che Lise non si sono mai sposate, e sapete qual è il motivo? La loro mamma Elvira ovviamente! Infatti Elvira non avrebbe mai permesso ai corteggiatori delle figlie di far visita in casa, anche una volta raggiunta l'età adulta. Secondo una storia, una volta Thelma osò portare a casa un corteggiatore, ma Elvira lo cacciò subito. Accidenti, che caratterino!


Se questo articolo vi ha suscitato un po' di curiosità, dovreste assolutamente andare visitare Villa Elfvik. Merita tantissimo e la torta di mele era a dir poco deliziosa.

Ecco la pagina web della caffetteria di Villa Elfvik, che a settembre è aperta sia sabato che domenica dalle 10:00 alle 16:00 e poi da ottobre solo la domenica. Invece il centro di educazione ambientale è aperto tutti i giorni dalle 9:00 alle 15:00, tranne il sabato.


Fatemi sapere se vi capita di andarci.


Heippa!



https://www.espoo.fi/fi/liikunta-ja-luonto/retkelle-luontoon/villa-elfvikin-luontotalo/villa-elfvikin-huvilan-historia

Recent Posts

See All

Comentários


bottom of page