top of page
Search
  • Writer's pictureA Brunette in Finland

Christmas in Finland



Hi guys, I take the advantage to wish you a Merry Christmas even if a bit late and tell you a more about Christmas in Finland, by posting the interview that my dear friend Laura, who's a blogger as well, published during the Christmas season last year. Follow her on social networks (Facebook Instagram) and her blog.

By the way, how did your Christmas go? I hope it went super well and you spent it with your dearest ones. But now let's not waste our time and let's focus on the Finnish Christmas!


As everybody knows Finland is known as the homeland of Santa Claus. Certainly its wintery landscapes with wooden houses, lit fireplaces and reindeer sleds makes us feel as if we were in a proper winter wonderland.


Laura: What do Finns usually eat on the Christmas Eve and on the Christmas Day?

Chiara: I must admit that here in Finland the food culture is not as strong as like in Italy, also because of its temperatures, which are a quite limiting for agriculture. Christmas though is one of the most important holidays of the Finnish culture, also because the real Santa Claus, called Joulupukki, lives in Rovaniemi, the capital of Finnish Lapland.

Last year it was my first time celebrating Christmas in Finland due to Covid, so I had the opportunity to try all the Finnish traditional Christmas dishes.

Joulukinkku, literally Christmas ham, will always be found on Finnish Christmas tables. It's basically a pork leg, cooked in the oven for 12 hours til its crust gets crunchy. This dish is usually served with mustard or cloves.

Another must of Finnish Christmas cuisine is undoubtedly the casserole, in Finland better known as laatikko. There are 4 main types of laatikko: the Imelletty perunalaatikko with potatoes, the porkkanalaatikko with carrots, the maksalaatikko with ground liver and the last one the lanttulaatikko.


Another dish that never misses on Finnish Christmas tables is rosolli, which is a kind of salad made of a mix of red beets, carrots, potatoes often accompanied by additional foods such as cucumbers, raw onion and apple.

The traditional Christmas deserts are the joulutortut, which is a star shaped puff pastry with a spoon of plum jam on the top and a little bit of icing sugar. Then we have the piparkakut, in English better known as gingerbread biscuits and the riisipuuro, a rice porridge coated with sugar and cinnamon.

A typical Finnish Christmas drink, which is also popular in all the other Nordic countries, is glögi, better known as mulled wine, usually served hot with almonds, cloves and raisins.


Laura: Well, I must say that although Finland does not have a culinary culture like Italy, it seems that their Christmas food habits sound quite interesting and tasty.

You mentioned Santa Claus and Finland is actually seen for excellence as his country. How important is this character in the Finnish culture? Is it very famous or is it just considered as a tourist attraction linked to the children's world and imagination?

Chiara: Yes, Finland is considered as the Christmas country for excellence, especially due to the presence of that man with a long white beard with his red outfit known as Santa Claus, but in reality his real Finnish name is Joulupukki. Rovaniemi is the city where you can actually visit his real Christmas village and you can meet Santa Claus in person. Rovaniemi, as well as the rest of Lapland, are very popular tourist destinations especially during Christmas time. However, I don't want you to think that this character and his village are just a tourist attraction, but Finnish children believe in Joulupukki and during Christmas time they usually listen to songs that talk about him and his elven helpers, the so-called tontut.




Laura: Do Finns like to spend Christmas holidays at home with their families or do they prefer to go to pubs or restaurants to celebrate it with friends?

Chiara: I would say that even here in Finland, Christmas is a family holiday that is mostly spent at home. Finns generally love to spend their time indoors, especially in winter time when temperatures can decrease.


Laura: What Finnish Christmas tradition, foo, etc. would you like to import to the Italian Christmas too? And viceversa.

Chiara: I would import to Italy the typical decorations of the Nordic countries depicting the tontut, Santa's helpers and the typical kynttelikkö, a triangular shaped chandelier placed by all the windows of Finnish houses, which comes in two colors: red or white. I would also import the typical biscuits made of gingerbread and cinnamon. In addition, some Finnish families invite Santa Claus (not the real one, but people who are willing to dress up as him) accompanied by a couple of tonttus who will brighten up the Christmas atmosphere by singing christmas carols, performing shows and giving gifts. And you asked viceversa? Well, I would definitely import typical Italian Christmas food, especially desserts like pandoro and panettone! And for the more Catholic families the nativity scene .


Laura: Oh white Christmas...how many degrees do you have during Christmas time?

Chiara: In comparison to many years ago the temperatures have risen due to the global warming. As you know I live in the Finnish capital and unfortunately here it doesn't always snow, and temperatures can go between 2 to 0 degrees in December, but if you already go a little further, the situation is different and you can enjoy the proper white Christmas atmosphere. Last year as far as I remember we didn't have snow in the south, but this year we did. Yeah, if I wasn't in Finland I saw through social networks that it was snowing.


Laura: Is it true that on Christmas Eve Finnish families have the habit to light a candle by the grave of their loved ones?

Chiara: To be honest I had to do some research, before answering to your question, because I didn't know about this tradition, but apparently it is a much more popular in the Finnish Lapland. But yes now that I think about it, some of my Finnish friends usually post cemeteries pictures full of candles on the Christmas Day. Moreover, on the Christmas day, cemeteries are open til late and the warm lights of the candles substitute the artificial lighting.




Laura: What are children's favorite activities in Finland during the Christmas holidays?

Chiara: Before Christmas, more precisely on the first of December, every child receives the advent calendar as a gift. The most popular ones are the chocolate advent calendars, otherwise there are many other kinds with toys, makeup, etc. These calendars are also popular among adults. Another favorite activity for children is making cookies and gingerbread houses and decorate them with colorful sugar pastes, icing and sugars. And of course writing the Christmas wishlist to their beloved Joulupukki!


Laura: Could we consider the sauna as a relaxing and convivial place for the Finns? Is it almost similar to the moment when we Italians eat all together around the same table? Do they also go to the sauna on Christmas in Finland?

In a way, it could be defined that way, but since we are talking about relax and Finns love silence, sauna is the place where you get rid of all your clothes, enjoy the warmth and the quiet and peaceful atmosphere without too much chatter. Oh yes, Finns definitely go to sauna during Christmas too!


Laura: Christmas markets are a must in Finland, which are the most traditional objects displayed in the stalls and which drinks or dishes that Finns like to consume when they visit them?

Chiara: Unfortunately last year due to the pandemic there were no Christmas markets, but this year luckily there were severals. At the Christmas markets you will usually find a little bit of everything, but above all hand-made objects such as candles, soap bars, wooden household utensils, wool accessories such as socks, slippers, scarves and hats. And the most popular drink you can find at the Christmas markets is certainly glögi.




Laura: Well the interview is coming to an end. Would you like to wish us Merry Christmas in Finnish?

Chiara: Off course. Toivon teille kaikille ihan hyvää ja rauhallista joulua! Which means “I wish you all a merry and peaceful Christmas!"

P.s. As I already said previously, this year I didn't spend Christmas in Finland, but before flying to Italy my boyfriend took me to a very elegant restaurant in Kruununhaka, called Svenska Klubben, where we had a very delicious Joulu illallinen (Christmas dinner). There there was all the food I mentioned in the article, it was really really worth it, I felt like a princess and the staff was super nice. Here are some pictures:




Natale in Finlandia



Ciao ragazzi, colgo l’occasione per augurarvi un buon natale anche se un po' in ritardo e dirvi di più su come si festeggia il Natale in Finlandia, proponendovi l’intervista che la mia carissima amica, nonché anche blogger molto in gamba, mi ha fatto l’anno scorso durante il periodo natalizio. Seguitela sui social (Facebook & Instagram) e sul suo blog.

A proposito, com'è andato il vostro Natale? Spero che sia andato molto bene e che l'abbiate trascorso con i vostri cari. Ma ora bando alle ciance e parliamo del Natale finlandese!

Nell’immaginario collettivo la Finlandia ricopre un ruolo fondamentale, nota per definizione come la terra natale di Babbo Natale. Certamente il suo paesaggio invernale aiuta a calarci nella più sognante atmosfera natalizia fatta di candida neve, casette in legno, caminetti accesi e slitte trainate da renne.


Laura: Cosa si mangia di tipico il giorno della Vigilia e a Natale?

Chiara: Devo ammettere che qui in Finlandia non c’è una vera e propria cultura culinaria come in Italia, anche perché se pensiamo alle sole temperature climatiche sono un po’ limitanti per l’agricoltura, ma, come tutti sanno, il Natale è una delle festività più importanti della cultura finlandese anche perché il vero Babbo Natale, chiamato Joulupukki abita proprio nella capitale della Lapponia finlandese, Rovaniemi. Io personalmente ho festeggiato il Natale in Finlandia l’anno scorso causa Covid.

Sulle tavole natalizie finlandesi si troverà sempre il joulukinkku, alla lettera prosciutto di natale. Si tratta di un cosciotto di maiale cotto al forno per 12 ore, dalla crosta croccante e servito con della senape o dei chiodi di garofano.

Altro must della cucina natalizia finnica è sicuramente la casseruola o per meglio dire laatikko. Vi sono 4 tipi principali di laatikko quello alle patate, l’Imelletty perunalaatikko, quello alle carote, il porkkanalaatikko quello al fegato maksalaatikko, e infine il lanttulaatikko. Altro piatto immancabile che è più simile ad un’insalata è il rosolli: un mix di barbabietole rosse, carote, patate spesso accompagnato da alimenti aggiuntivi come cetrioli, cipolla a crudo e mela.

Come dolci tipici troviamo gli immancabili. No, non si tratta di una torta, bensì di stelle di pasta sfoglia con al centro una cucchiaiata di marmellata di prugne e un po’ di zucchero a velo.

I piparkut, famosissimi in tutto il mondo come biscotti di pan di zenzero e il porridge di riso con zucchero e cannella, il riisipuuro. Una bevanda tipica del natale finlandese e in generale di tutti i paesi nordici è il glögi, meglio conosciuto come vin brulé, servito ben caldo con mandorle, chiodi di garofano e uva passa.




Laura: Beh, devo dire malgrado la Finlandia non abbia una cultura culinaria come l’Italia a Natale mi sembra si difenda molto bene. Hai parlato di Babbo Natale ed effettivamente la Finlandia è vista per antonomasia come il paese di Babbo Natale: quanta rilevanza ha questa figura nelle tradizione finlandese? É molto presente o rimane un’attrazione turistica” ed un personaggio legato al mondo dei bambini?

Chiara: Sì, la Finlandia è il paese del Natale per antonomasia, specialmente per la presenza di quell’uomo dalla lunga barba bianca e la sua mise rossa da tutti conosciuto come Santa Claus, ma in realtà il suo vero nome finlandese è Joulupukki. Rovaniemi è la città dove c’è il vero e proprio villaggio di Natale, in cui è possibile incontrare l’unico vero Babbo Natale. Rovaniemi, come la Lapponia intera sono delle popolarissime mete turistiche specialmente durante il periodo di Natale. Con ciò però non voglio che pensiate che questo personaggio e il suo villaggio siano esclusivamente un’attrazione turistica, ma i bambini finlandesi credono a Babbo Natale e durante il periodo natalizio sono soliti ascoltare canzoni che parlano proprio di lui dei suoi aiutanti elfi, i cosiddetti tontut.


Laura: I finlandesi amano passare le feste natalizie a casa in famiglia o preferiscono andare al pub/ristorante per festeggiare il Natale in compagnia ad esempio degli amici?

Chiara: Il Natale anche qui in Finlandia è una festività che viene trascorsa soprattutto in compagnia della famiglia e sì, in casa. I finlandesi generalmente adorano trascorrere il loro tempo tra le mura domestiche, specialmente in inverno quando le temperature possono scendere fino a sotto zero e… oltre.


Laura: Quale elemento (tradizione, cibo, usanza) del natale finlandese ti piacerebbe importare anche nel natale italiano? E viceversa?





Chiara: Io importerei in Italia le decorazioni tipiche dei paesi nordici ritraenti i tontut, gli aiutanti di Babbo Natale e il tipico kynttelikkö, un candelabro dalla forma triangolare messo davanti a tutte le finestre delle case finlandesi, disponibile in due colori: rosso o bianco. Anche i dolci tipici a base di pan di zenzero e cannella. Inoltre alcune famiglie finlandesi invitano (pagano) Babbo Natale (non il vero, bensì delle persone che si prestano a travestirsi da lui) accompagnato da una coppia di tontut che rallegreranno l’atmosfera del Natale con canti tipici, spettacoli e regalini. Viceversa? Beh, sicuramente importerei il cibo tipico natalizio italiano, specialmente i dolci come pandoro e panettone! E per le famiglie più cattoliche il presepe.


Laura: Ah bianco natale…A quanto si aggirano le temperature normalmente in questo periodo dell’anno?

Chiara: Le temperature rispetto ad anni fa sono aumentate, per il surriscaldamento globale. Io personalmente vivo nella capitale, all’estremo sud della Finlandia e ti posso assicurare che purtroppo non sempre nevica e le temperature si aggirano attorno ai 2 e i 0 gradi, ma se si va già un po’ più a nord la musica cambia e si potrà godere della vera e propria atmosfera del bianco natale. L'anno scorso non ricordo che abbia nevicato, e invece quest anno ho visto che sta nevicando anche a sud.


Laura: È vero che nella Vigilia di Natale molte famiglie accendano un lume di fronte alla tomba dei propri cari?

Chiara: Per rispondere a questa domanda mi sono dovuta documentare perché non avrei saputo cosa rispondere… Ma a quanto pare questa è una tradizione molto più popolare nella Lapponia finlandese. Ora che ci penso però, alcuni dei miei amici finlandesi sono soliti postare delle foto del cimitero pieno di candele il giorno di Natale. In occasione del Natale infatti i cimiteri rimangono aperti più a lungo e le luci calde delle candele sostituiscono le illuminazioni artificiali.


Laura: Quali sono le attività preferite dai bambini in Finlandia durante le feste natalizie?

Chiara: Prima di natale, esattamente il primo di dicembre ogni bambino ricev come regalo. Quelli più popolari sono quelli contenenti i cioccolatini, altrimenti ce ne sono altrettanti con giocattoli, trucchi ecc. Questi calendari sono popolari anche tra gli adulti.

Un’altra attività preferita dai bambini è fare i biscotti e le casette di pan di zenzero decorati con paste di zucchero, glasse e zuccherini tutti colorati. E ovviamente scrivere la letterina all’amato Joulupukki!



Laura: Potremmo definire la sauna un luogo di relax e convivialità per i finlandesi così come lo è il momento del mangiare insieme attorno alla stessa tavola per gli italiani? Si va in sauna anche a Natale in Finlandia?

Chiara: In un certo senso sì potrebbe essere definito così, ma dato che parliamo di relax e i finlandesi amano il silenzio la sauna è quel luogo dove ci si sbarazza di tutti i vestiti, si gode del calore e dell’atmosfera tranquilla e pacifica senza troppe chiacchiere. Eh sì, di solito si va anche a Natale in sauna!



Laura: I mercatini di natale non possono mancare in Finlandia, quali sono gli oggetti più tradizionali esposti nelle bancarelle e quali le bevande o pietanze che amano consumare i finlandesi quando li visitano?

Chiara: Purtroppo l anno scorso con questa pandemia i bellissimi mercatini sono mancati, ma quest anno per fortuna li hanno riaperti e non solo uno. Ai mercatini di natale si trova di tutto un po’, ma soprattutto oggetti fatti a mano come candele, saponette, utensili per la casa in legno, accessori in lana come calze, ciabatte, sciarpe e cappelli. E la bevanda più bevuta nei mercatini è certamente il glögi.




Laura: Bene siamo giunti al termine dell’intervista vorresti farci un augurio di Natale in finlandese?

Chiara: Ma certo. Toivon teille kaikille ihan hyvää ja rauhallista joulua! Che significa “auguro voi tutti un buon e sereno natale!


P.s.: Come ho già detto in precedenza, quest'anno non ho passato il Natale in Finlandia, però prima di volare in Italia, il mio ragazzo mi ha portata in un ristorante molto elegante a Kruununhaka, chiamato Svenska Klubben, dove abbiamo mangiato la tradizionale Joulu illallinen (cena di Natale) . Nel menù c'era tutto il cibo di cui ho parlato nell'articolo, ne è valsa davvero la pena andare a mangiare lì, mi sono sentita come una principessa e il personale è stato super gentile. Ecco alcune immagini:








96 views0 comments

Recent Posts

See All

Commentaires


bottom of page