top of page
Search
  • Writer's pictureA Brunette in Finland

Viaporin Kekri in Suomenlinna



Hello guys! How are you? Today I'm here to talk about a very old festivity, almost forgotten by Finns, but still celebrated every year in Suomenlinna and in other Finnish places like Kajaani: I'm referring to Kekri. Have you ever heard about it? If not, continue reading! ;)


Kekri used to be a very popular Finnish harvest festival. With the advent of Christianity and Christmas, this festivity has been forgotten.

Originally, the celebration of Kekri was not tied to a permanent calendar date, but was determined by the ongoing year's agricultural autumn activities. However, by the early 1800s it came to coincide with All Saints' Day.

The word Kekri is apparently very old and comes from a native Finno-Ugric word kekra/kekraj. Depending on the area, Kekri has also been called köyri, köyry, keyri and keuri. It appears for the first time in one of Mikael Agricola's work, Psalttarin esipuhe (1551), where he defines it as a god of the harvest.


Kekri has its roots in the millenary European agricultural culture. In the cyclical conception of time based on the annual cycle, it was natural to start the year from where the previous harvest ended. It is thought that the Harvest Festival dates back to the Neolithic or Bronze Age (2500 - 2000 BC) and was celebrated by peasants from all over Europe. The Harvest Festival dates back to the Neolithic or Bronze Age (2500 - 2000 BC) and was celebrated by peasants from all over Europe.



Kekri was the most important celebration of the year for the Finnish agricultural communities. This festival was considered as a proper new year. Initially Kekri did not have a fixed date, but each farm celebrated it once the harvest and all the autumn labour were completed. The most important things in Kekri's celebration were the new harvest, communal celebration, remembering the dead, and stories and magic aimed at predicting and taking over the future.

During the Kekrijuhlat no one was allowed to starve, as it would have meant a lean crop year. Everybody used to eat and drink in abundance in order to ensure that the next year's harvest would have been fruitful. Usually the consumed dishes during Kekri were: roast lamb, homemade sausages, porridge and fresh bread.


On Kekri's day people also used to play, sing, gather in a circle and tell stories.

Another popular custom was to dress up as Kekripukki (male) and Kekritär (female). Kekripukki's disguise represented a goat and the character itself was considered to be sacred and could only leave the homes it visited after receiving plenty of food and drink.

Kekripukki wore an inverted fur and a birchbark mask. On the inverted fur various objects such as spoons, sticks or shears were hung. The Kekrittäret, on the other hand, were dressed in white from head to toes and their faces were covered with white gauze or paper. Sometimes men could also have dressed up as a Kekritär and viceversa. Kekripukit and Kekrittäret made a tour of the house, asking for entertainment. They were usually well treated and hosts offered them delicacies. In case the hosts didn't welcome them well and didn't provide any treats, guests threatened to break the oven.

Moreover people believed that during Kekri, ancestor spirits came to visit their houses and check that everything was in order. These spirits were believed to protect their houses and lands, but at the same time there might also have been restless or malevolent spirits among the ancestors on the move, and in order to keep them away, it was important to light a bonfire.

Yesterday, 6/11/2021, I had the opportunity to see the Kekri celebration in Suomenlinna for the first time. Me and my friend Helena arrived on the island around 5:20pm by waterbus, that we took from Kauppatori. Before going to attend the bonfire, we went to see the spooky Marras exhibition (art and photo exhibition) in the Haa Gallery.

Afterwards we saw the Light circus Spektri dance performances with LED equipment at Linna bar park. After that we bumped into one of the Murheiden Kerääjä (sorrow collector) where you could write your sorrows on a piece of paper and leave it with him as an offering of humanity.


Then we went to visit some light installations and this one by Olivia Pohjola was my favorite.


Around 6:30 me and my friend went to save a spot for the Kekri bonfire on the Artillery Quay's bridge, right in front of the Varvilahti bay, where the bonfire celebration takes place. Before the bonfire was lighted, the Tuliryhmä Polte and Lintukoto performed some fire dances. After this dance performance the hay statue of Kekripukki, was finally lit and the atmosphere on the island became magical. Here are some pictures, but I assure you that seeing the show live was much better, I'll post pictures and videos also on Instagram and Facebook.

Around 7pm the bonfire show ended and we continued walking to see some other light installations. Before leaving Suomenlinna we stopped by Cafe Silo and decided to treat ourselves with a very delicious Mummon pulla (Granny's bun) with apple jam, whipped cream and roasted almonds on top.

I really hope to attend Kekri next year as well and take part in many other activities that I missed this year. And in case you missed this event, well I really recommend you to save the date and go and see it next year.



Viaporin Kekri a Suomenlinna



Ciao ragazzi! Come state? Oggi vi parlerò di una festa molto antica, quasi dimenticata dai finlandesi, ma celebrata ancora ogni anno a Suomenlinna e in altre località come Kajaani: mi riferisco al Kekri. Ne avete mai sentito parlare? Se la risposta è no, continuate a leggere! ;)

Kekri era una festività finlandese molto popolare in cui si celebrava la fine del raccolto. Con l'avvento del cristianesimo e del Natale, però, questa festa è stata dimenticata.

Inizialmente Kekri non capitava in una data ben precisa, ma nel caso in cui le attività agricole autunnali fossero state portate a termine, allora era concesso festeggiarlo. Tuttavia, all'inizio del 1800 la data venne a coincidere con il giorno di Ognissanti.


La parola Kekri è apparentemente molto antica e deriva da un termine ugro-finnico kekra / kekraj. A seconda della zona, Kekri è stato denominato anche come

köyri, köyry, keyri e keuri e appare per la prima volta per iscritto in un'opera di Mikael Agricola, Psalttarin esipuhe (1551) dove lo definisce come un dio del raccolto.


Kekri affonda le sue radici nella millenaria cultura agricola europea. Nella concezione ciclica del tempo basata sul ciclo annuale, era naturale iniziare il nuovo anno nel giorno in cui terminava il raccolto dell'anno precedente. Si pensa che la Festa del Raccolto risalga all'età Neolitica o del bronzo (2500 - 2000 aC) e venisse festeggiata dai contadini di tutta Europa.


Kekri era la festa più importante dell'anno per le comunità agricole finlandesi. Questa festività poteva essere considerata come un vero e proprio capodanno. Inizialmente Kekri non aveva una data fissa, ma ogni famiglia lo festeggiava una volta che il raccolto e tutte le attività agricole autunnali erano stati completati. Le cose più importanti della Celebrazione di Kekri erano il nuovo raccolto, la celebrazione comunitaria, il ricordo dei morti e le storie e la magia volte a predire il futuro.

Durante il Kekrijuhlat nessuno poteva fare digiuno, poiché ciò avrebbe presagito un raccolto poco prospero per l'anno seguente. Tutti mangiavano e bevevano in abbondanza per assicurarsi un raccolto fruttuoso l'anno successivo. Le pietanze consumate durante questa festa erano le seguenti: agnello arrosto, salsicce fatte in casa, porridge e pane fresco.

Nei giorni di Kekri si era soliti festeggiare suonando, cantando, e riunendosi in cerchio mentre si raccontavano storie.

Un'altra usanza popolare era quella di travestirsi da Kekripukki (uomini) e Kekritär (donne). Il travestimento di Kekripukki raffigurava un caprone che era considerato sacro. Esso poteva lasciare le abitazioni visitate solo dopo aver ricevuto cibo e bevande in abbondanza.


Kekripukki indossava una pelliccia rovesciata e una maschera di corteccia di betulla. Sulla pelliccia venivano appesi vari oggetti come cucchiai, bastoncini o cesoie. Le Kekrittäret, d'altra parte, erano vestite di bianco dalla testa ai piedi e i loro volti erano coperti con delle garze o carta. A volte gli uomini potevano anche travestirsi da Kekritär e viceversa. I Kekripukit e le Kekrittäret andavano di casa in casa, chiedendo intrattenimento. Solitamente venivano trattati bene dai padroni di casa che offrivano loro prelibatezze. Nel caso in cui non venissero accolti in maniera adeguata e non venisse offerto cibo, i kekripukit e le kekrittäret avrebbero minacciato di rompere il forno.

Inoltre la gente credeva che durante il Kekri, gli spiriti degli antenati venissero a visitare le loro case e a controllare che tutto fosse in ordine. Si credeva che questi spiriti proteggessero sia le loro case che i terreni, ma allo stesso tempo potevano esserci anche spiriti irrequieti o malevoli tra gli antenati, e per tenerli lontani era importante accendere un falò.




Ieri, 11/06/2021, ho avuto l'occasione di vedere per la prima volta la celebrazione del Kekri a Suomenlinna. Io e la mia amica Helena siamo arrivate ​​sull'isola intorno alle 17:20 con il vaporetto da Kauppatori e prima di andare ad assistere al falò, siamo andate a vedere la spettrale mostra fotografica Marras nella Haa Gallery. Successivamente abbiamo assistito alle esibizioni di danza di Light Circus Spectrum con apparecchiature a LED al parco del Linna bar. Dopodiché ci siamo imbattute in uno dei Murheiden Kerääjä (collezionista dei dolori) dove era possibile lasciargli un bigliettino con su scritto le proprie preoccupazioni e lasciarlo con lui come offerta dell'umanità. In seguito siamo andati a visitare alcune installazioni luminose e questa di Olivia Pohjola era la mia preferita.

Intorno alle 6:30 io e la mia amica siamo andate a occupare un posto sul ponte dell'Artillery Quay per assistere alla celebrazione di Kekri, proprio di fronte alla baia di Varvilahti, dove si svolge il falò. Prima che il falò venisse acceso, il Tuliryhmä Polte e Lintukoto si sono esibiti in delle danze con protagonista il fuoco. Subito dopo, la statua di fieno di Kekripukki, è stata finalmente illuminata e l'atmosfera sull'isola è diventata magica. Ecco alcune foto, ma vi assicuro che vedere lo spettacolo dal vivo è stato molto meglio, posterò foto e video anche su Instagram e Facebook. Intorno alle 19:00 lo spettacolo dei falò è terminato e abbiamo continuato a camminare e vedere alcune installazioni luminose.


Infine, prima di lasciare Suomenlinna ci siamo fermate al Cafe Silo e abbiamo deciso di prendere una buonissima Mummon pulla (brioche della nonna) con marmellata di mele, panna montata e mandorle tostate.




Spero davvero di assistere a questo evento anche l'anno prossimo e di prendere parte a molte altre attività che mi sono persa quest'anno. E nel caso quest'anno non ci foste andati, vi consiglio davvero di segnarvi la data e di andare a vederlo l'anno prossimo.





wikipedia.com


Recent Posts

See All

Commentaires


bottom of page